microfin3.jpg

RITMI, La Rete Italiana di Microfinanza

Con uno dei maggiori tassi di esclusione finanziaria dell’Occidente, il 25% secondo l’ultimo rapporto della Banca Mondiale, in Italia il microcredito raggiunge appena 8 mila persone. Di fronte a questa sproporzione otto organizzazioni italiane del settore hanno deciso di dare vita a RITMI, la Rete italiana di microfinanza. Tra le priorità di azione, oltre al credito ai non bancabili, c’è anche il tema del sovraindebitamento delle famiglie e della crisi dei mutui.

Soci fondatori di RITMI sono organismi storici della finanza etica italiana come le Mag di Verona e Milano, organizzazioni nate negli anni duemila come Micro.bo di Bologna, Microfinanza srl, Microprogress, Permicro di Torino, fondazioni che operano contro l’esclusione finanziaria, come don Mario Operti di Torino e Santa Maria del Soccorso di Genova.